MIZIZI, la moda del futuro AfroVintage

Mizizi che significa in swahili "radici", è il nome di una  linea di abbigliamento emergente, che con i suoi disegni e modelli rispecchia un po’ la società multietnica dell’Italia.  Questa idea di abbinare insieme le stoffe delle tradizioni africane e i modelli europei  è di una giovane affascinante stilista oltre che fotografa, Alesia Rose  Moroni Nawezi.  Nata e cresciuta a Roma, ha avuto la possibilità di viaggiare a l'estero, e l’esperienza acquisita altrove dà una visione di una donna di mente aperta, grintosa, che non si ferma davanti a questa crisi e che ci insegna ad essere  obbiettivi e determinati nella vita. Sabato scorso, in un noto locale di Roma, Black box, la sua sfilata di moda ha avuto successo,  conquistando i mille cinquecento presenze, affascinati dallo stile  artigianale che aveva ogni capo d’abbigliamento che indicava la singolarità del prodotto.

 

Leggi tutto...

Fashion 4 Development: la moda per l’Africa

“Fashion 4 Development”, il progetto presentato lo scorso febbraio a New York da Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia, e dall’ambasciatore Cesare Maria Ragaglini, rappresentante permanente dell’Italia all’Onu.   Lo scopo dell’iniziativa è quello di favorire l’accesso di giovani designer e produttori africani e di altri paesi emergenti ai mercati internazionali e alle catene di distribuzione della moda.

Leggi tutto...

lo stile e il soggetto, importanti per maschere

Stilemi con significato morale, e in particolare come rappresentazione simbolica di specifiche virtù, si trovano in numerose culture. Gli occhi socchiusi delle maschere dei Senefou della Costa d'Avorio, per esempio, rappresentano l'autocontrollo, la pace interiore e la pazienza. In Sierra Leone e altrove, occhi e bocca di dimensioni ridotte simboleggiano l'umiltà, e la fronte sporgente indica saggezza. Maschere con mento e bocca molto grandi, al contrario, possono rappresentare autorità e forza (per esempio in Gabon)

Leggi tutto...

la struttura delle maschere

Le maschere possono avere diversi tipi di struttura in funzione del modo in cui si devono indossare. Il tipo più comune, presente in gran parte dell'Africa, è quello che si appoggia sul volto, in verticale, come la maggior parte delle maschere occidentali.

Leggi tutto...

le maschere sukuma


Di conseguenza, la produzione di maschere (come di altri oggetti artigianali) è diventata una vera e propria industria in molti paesi africani. Le maschere "commerciali" (o "turistiche") che si trovano nei mercati e nei negozi sono idealmente riproduzioni più o meno fedeli di maschere tradizionali delle diverse etnie. Questo legame originario con la tradizione si va comunque progressivamente indebolendo a favore di considerazioni economiche.

Leggi tutto...

la bellezza femminile sukuma

I Baga della Guinea invece rappresentano le cicatrici ornamentali della loro tradizione, e includono nella maschera una rappresentazione stilizzata di un seno reso cadente dall'allattamento (simbolo di fertilità). Queste maschere da donna sono rigorosamente indossate da uomini.

Leggi tutto...

Vestiario dei Kamba

 

I moderni Akamba, come la maggior parte dei kenyoti, vestono all'occidentale. Gli abiti tradizionali sopravvivono in alcune zone rurali; gli uomini indossano kilt fatti di pelle di animale e numerosi gioielli (collane, braccialetti e cavigliere), soprattutto di rame e ottone. Gli abiti tradizionali femminili comprendevano gonne di pelle lunghe fino al ginocchio, e tipiche collane di perline (acquistate dai mercanti swahili e arabi).

Leggi tutto...

il vestito masai

Al polso, un uomo masai può portare dei braccialetti di cuoio, legno, di perline o di metallo. Il braccialetto di metallo è prezioso in quanto è passato di padre in figlio. Un padre lo darà al figlio che egli considera migliore – non necessariamente il più vecchio – prima di morire. Questo braccialetto è così un segno di rispetto e di saggezza.

Leggi tutto...

i braccialetti masai

I disegni usati nella confezione di braccialetti e orecchini hanno un significato particolare. I colori usati indicano il clan di appartenenza, possono indicare lo status della persona, o dare un messaggio particolare: pace, concordia, disponibilità. Non si può parlare, però, di un uso di questi disegni per comunicare pensieri sofisticati, come accade in altre culture africane.

Leggi tutto...

l'orologio a 6 floret!

L'orologio è di 47 mm e contiene al suo interno sei palle di 6 Flobert mm che aumenta ogni rotore da sei palline di 38 cartucce mm. Notiamo anche che il quadrante è un bersaglio.

Leggi tutto...

Altri articoli...

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE
Fallo ora con la tua Carta di Credito, è semplice e veloce



Chi è online

 75 visitatori online

Clicca quì sotto per vedere le foto

Spazio Fotografico: guarda le foto!


Per la tua pubblicità

Hotel LaMarée (Kribi)

Ndjilè Magazine

Ndjilè Magazine

Mailing List

Media

Tourismafrica Youtube

Fondazione Samuel Eto'o

Fondazione Samuel Eto'o